OPEN INNOVATION

una piattaforma per chi fa innovazione aperta

Come nasce

Open Innovation Lombardia nasce con lo scopo di proporre un nuovo modello di policy per l’innovazione regionale all’interno dell’obiettivo specifico 1.2 dell’Asse 1 del POR FESR 2007-2013: "Rafforzare la capacità di governance per migliorare la competitività del sistema lombardo della conoscenza. Intensificare, semplificare e innovare le relazioni tra gli attori del sistema" basato su un nuovo approccio funzionale all'innovazione aziendale che sfrutta le potenzialità della rete per permettere alle imprese di innovare velocemente con un approccio collaborativo. Il progetto è stato rifinanziato dal POR FESR 2014-2020 (Azione I.1.B.2.1: Azioni di sistema per il sostegno alla partecipazione a piattaforme e reti nazionali).

La piattaforma è inoltre uno degli strumenti di attuazione dell’S3 (strategia di Specializzazione intelligente) di Regione Lombardia attraverso il sostegno alla creazione di condizioni favorevoli per le imprese, la loro crescita ed evoluzione in industrie emergenti.

Focus centrale è il paradigma dell’innovazione aperta, secondo il quale nel contesto competitivo vince chi è in grado di coinvolgere le migliori competenze, da qualsiasi parte provengano. La Piattaforma ha permesso finora di mettere in circolo 8000 opportunità di collaborazione da tutto il mondo. Open Innovation permette anche alla pubblica amministrazione di instaurare un rapporto più immediato con la cittadinanza: il "cittadino innovatore" - non più solo destinatario delle politiche ma portatore di competenze, idee e soluzioni - è il vero punto di svolta culturale che questi strumenti rendono possibile.

A chi si rivolge

Open Innovation si rivolge a tutti gli attori dei processi di innovazione nelle imprese, nei centri di ricerca, nelle pubbliche amministrazioni, nella società civile e a tutti i cittadini che vogliono avere un ruolo attivo nelle politiche di ricerca e innovazione.

Gli obiettivi che Regione Lombardia vuole raggiungere tramite la Piattaforma intendono soddisfare una molteplicità di bisogni collettivi:

  • connessione: far entrare in relazione mondo accademico e mondo industriale e favorire il networking tra diverse figure professionali.
  • accrescimento: valorizzare le risorse, il know how, il capitale umano e il capitale sociale del territorio.
  • diffusione: stimolare la condivisione di innovazione in casi studio e buone pratiche.
  • conoscenza: far conoscere e prendere ad esempio le eccellenze del territorio sia in campo industriale che in quello della ricerca scientifica.

Cosa offre

La piattaforma è strutturata per offrire strumenti di lavoro e interazione quotidiana per mettere a sistema le competenze e favorire lo sviluppo di progetti.

Strumenti di condivisione, collaborazione e supporto

  • community per la creazione di gruppi di lavoro e/o di progetto o di condivisione di interessi comuni;
  • discussioni e notizie: strumenti per informare, avviare discussioni, ingaggiando i partecipanti sulla base di interessi e competenze;
  • supporto ai progetti di ricerca e innovazione: strumenti di project management per la definizione e il monitoraggio di attività, tempi e budget;
  • strumenti per la gestione di documenti.

Dalla piattaforma possono nascere numerose opportunità:

  • dal territorio: proposte di collaborazione e manifestazioni di interesse per la creazione di partnership per avviare progetti di ricerca, offerta e individuazione di soluzioni innovative.
  • dal mondo: ricerca e offerta di partner commerciali, tecnologici, per la realizzazione di progetti di ricerca in collaborazione con Enterprise Europe Network.

I NUMERI *

Sono oltre 6500 gli utenti profilati sulla base dei loro interessi e oltre 2.000 le organizzazioni profilate rispetto alle competenze distintive, collegate ai progetti realizzati e ai risultati ottenuti; quasi 1.000 le discussioni pubblicate, 232 le proposte di collaborazione generate e 94 le community tematiche S3.

* dato al 14 giugno 2017