L’Autorità di Gestione del Programma di Cooperazione Italia Svizzera 2014-2020 ha approvato l’avviso per la presentazione dei progetti: il terzo “step” di un percorso avviato il 1 Luglio 2016 con le manifestazioni di interesse

Al via la call per la presentazione dei progetti del primo bando del Programma di cooperazione Italia Svizzera 2014-2020. L'obiettivo è quello di portare ricadute concrete e sostenibili nel tempo sui territori di confine italiani e svizzeri, consentendo di risolvere problemi e valorizzarne le opportunità.  A partire da lunedì 3 Luglio 2017 i soggetti che hanno presentato le “idee di progetto” (primo step) e che hanno partecipato ai laboratori (secondo step) possono presentare i progetti sulla piattaforma informativa SiAge (terzo step).

Sono 272 le idee presentate dal 1 luglio al 30 settembre 2016 e 600 i potenziali beneficiari tra il versante italiano e quello svizzero del Programma. Numeri superiori alle attese che evidenziano l’interesse del territorio per la cooperazione transfrontaliera. Questi i dettagli delle proposte presentate, relativamente ai diversi assi coinvolti:

  • 94 per l’Asse 1. Competitività delle Imprese. Il 34% dei proponenti sono imprese, il 21% Università e Centri di Ricerca, nella maggior parte dei casi le imprese cooperano tra loro con partenariati costituiti da almeno 4 soggetti;
  • 95 per l’Asse 2. Valorizzazione del patrimonio naturale e culturale. Il 92% delle proposte riguarda l’obiettivo dell’attrattività dei territori in cui i promotori sono prevalentemente direzioni generali, dipartimenti cantonali, università, i cui partenariati raggiungono in media i 6 partner;
  • 18 per l’Asse 3. Mobilità integrata e sostenibile. Il 22% dei proponenti sono dipartimenti cantonali, regionali, aziende di trasporto e piccoli comuni. L’orientamento prevalente dei progetti, con una media di 4 partner ciascuno, è aumentare l’accessibilità, l’integrazione di reti e l’attrattività del servizio pubblico;
  • 40 per l’Asse 4. Servizi per l’integrazione delle comunità. Il 39% dei proponenti appartengono al terzo settore, mentre i soggetti pubblici (Asl) e privati rappresentano il 13%. Per parte Svizzera è rilevante la cooperazione pubblico-privato, punto di forza dell’obiettivo. I partenariati sono costituiti in media da 4-8 partner;
  • 25 per l’Asse 5. Rafforzamento della Governance transfrontaliera. Il 22% di proponenti sono dipartimenti cantonali, regionali e provinciali con un 24% costituito da Università e Centri di Ricerca in collaborazione con altri enti pubblici (20%), a conferma di un partenariato pubblico-privato importante. I progetti presentano in media da 4/5 partner.

 

Due le tipologie di progetti che possono essere presentati:

  • progetti brevi (di durata non superiore ai 18 mesi), a partire dal 3 Luglio ore 12.00 fino al 29 Settembre 2017 ore 12.00;
  • progetti di durata compresa tra 18 mesi + un giorno e 36 mesi, a partire dal 3 Luglio ore 12.00 fino al 31 Ottobre 2017 ore 12.00.

Al bando per la presentazione dei progetti è destinato l’80% delle risorse disponibili per l’intero Programma Interreg: sono oltre 86 milioni di euro le risorse disponibili per la parte italiana, mentre per quella di parte svizzera oltre 17 milioni di CHF.

La presentazione dei progetti dovrà avvenire sulla piattaforma informativa SiAge, registrandosi al sistema e compilando la domanda online.

Per tutti i dettagli sulle modalità di partecipazione, consultare il seguente link:  https://goo.gl/H36vik

Vuoi vedere altre news?

Per partecipare attivamente è necessario farsi riconoscere, accedi o registrati anche con i tuoi account social.