Abbiamo chiesto a Enrico Benco, co-founder di “Go sailing, for a change” di raccontarci la loro storia su come la collaborazione e l’uso di una piattaforma come Open 2.0 possa essere utile e supportare innovazione e sostenibilità.

Go sailing, for a change, di cosa vi occupate?

Go Sailing, for a Change è un progetto nato circa cinque anni fa con l'ambizione di favorire l'adozione di pratiche e materiali sostenibili per settore dei materiali compositi in base al modello di economia circolare. Il riferimento alla vela è legato alla passione ed al background di entrambi i soci fondatori che hanno trascorsi di Coppa America e vela professionistica. A parte questo, la vela è vista come un perfetto “case study” per presentare e comunicare soluzioni sostenibili. GS4C sta completando la costruzione di una barca da regata interamente riciclabile e prodotta con materiali sostenibili, partendo dal concetto fondamentale di non lasciare nulla in discarica, durante la produzione come durante lo smaltimento a fine vita. La visione, necessariamente non limitata al territorio nazionale, è di portare al mercato un approccio a scarto-zero e di completo recupero della materia prima, selezionata in base alla sua riciclabilità in materiale vergine a fine vita.

A chi vi rivolgete? Chi fa parte del network di GS4C?

GS4C si rivolge a tutti gli operatori del mondo dei materiali compositi, portando soluzioni sostenibili e proposte di collaborazione. Per fare questo, GS4C ha creato intorno a questi concetti un network di aziende che condividono la visione di economia circolare e che portino al progetto quella solidità industriale necessaria per essere credibili in un mercato competitivo ed in rapidissima crescita come quello dei materiali compositi. Le aziende coinvolte coprono tutta la filiera produttiva, dalla lavorazione delle materie prime alla trasformazione e riciclo con rigenerazione della materia prima dove possibile. Il controllo della filiera è fondamentale per ottimizzare il recupero ed evitare che materiale vada in discarica

Collaborare a favore della sostenibilità: come uno strumento collaborativo si inserisce in questo contesto?

La comunicazione è fondamentale sia a livello di organizzazione del network che a livello di ottimizzazione del flusso dei materiali. Quello che per un'azienda è sfrido è materia prima per chi sa gestire lo scarto per la produzione di semilavorati che possano rientrare nella filiera per applicazioni specifiche. GS4C ha lavorato moltissimo a questo approccio collaborativo per garantire una filiera completamente sostenibile. Da qui nasce la collaborazione con Connecting Talents, un'ambiziosa startup che sta facendo un grosso lavoro di codifica di talenti e competenze per produrre una piattaforma che possa facilitare questo processo.

Come Open 2.0 potrà esservi utile?

Open 2.0 è una importantissima base di identificazione di partners interessati a mettere le proprie competenze a fattore comune. Con Connecting Talents stiamo lavorando proprio su questo, digitalizzando il grosso lavoro fatto in analogico durante gli anni scorsi ed implementando la visione di codifica dei talenti di CT in una piattaforma che faciliti l'identificazione di potenziali collaboratori.

Per un approfondimento: Connecting Talents - Open 2.0

Vuoi vedere altre news?

Per partecipare attivamente è necessario farsi riconoscere, accedi o registrati anche con i tuoi account social.