La startup ha la sua attività e i suoi clienti principali in tutto il territorio nazionale con una particolare attenzione per la Lombardia.
 
Veronica, se dovessi definire la vostra idea imprenditoriale in un tweet, cosa diresti?
 
Le Sissi sartoria digitale, il primo brand online e offline ad offrire alle donne la possibilità di avere l’abito che desiderano senza sottostare ai limiti imposti dal sistema industriale attuale.
 
Ci descrivi il gruppo di lavoro di Le Sissi?
 
La nostra è una rete d’impresa: da una parte il mondo delle nuove nuove tecnologie digitali (programmatori, rendersi 3d) e dall’altra il mondo della manifattura tradizionale (aziende di taglio e sartorie). L’aggettivo che darei ad ognuno dei membri della rete è “indispensabile”, il progetto nasce grazie all’unione di competenze diverse!
 
Qual è l’idea innovativa che contraddistingue la vostra startup? Qual è il valore aggiunto che porta nel vostro settore?
 
L’innovazione è rappresentata dall’introduzione di un configuratore 3d che ti permette di personalizzare il tuo abito e vederlo in anteprima 3d. Il valore aggiunto nel contesto economico di riferimento sta nell’aver predisposto una sinergia territoriale imprenditoriale, ovvero le aziende del territorio collaborano assieme nel processo produttivo apportando competenze e qualità tipiche del made in Italy.
 
Com’è nata la vostra idea imprenditoriale e la decisione di formalizzarla in una startup?
 
L’idea nasce durante la stesura della tesi sperimentale del corso di laurea magistrale in strategie di comunicazione. Questo percorso mi ha dato la possibilità di analizzare il contesto economico locale e i fattori che possono portare al successo una piccola-media impresa. Da qui l’idea di utilizzare questo studio per creare un progetto di start up nel settore abbigliamento donna.

Vuoi vedere altre news?

Per partecipare attivamente è necessario farsi riconoscere, accedi o registrati anche con i tuoi account social.