• Premio Lombardia è Ricerca

    Bonfante: “Dallo studio del microbiota piante più produttive e resistenti”

    La professoressa di Biologia vegetale e giurata del Premio lombardo su innovazione e agricoltura

    di redazione open innovation | 20/07/2021

Ama ricordare che ci sono più microorganismi nel nostro sottosuolo, di quante stelle conosciamo in cielo. E proprio questa miniera di vita nascosta è da anni al centro degli studi di Paola Bonfante, prfessoressa emerita di Botanica all’Università di Torino, già Direttrice del Dipartimento di Biologia Vegetale, Accademica dei Lincei e Commendatore della Repubblica Italiana per meriti scientifici.

Bonfante è una dei 15 top scientists della Giuria del Premio internazionale “Lombardia è Ricerca” di Regione Lombardia, e come tale chiamata a selezionare una scoperta rilevante legata alla sostenibilità, tema dell’edizione 2020-2021 del riconoscimento. Un tema, sottolinea la professoressa, scelto già prima dell’arrivo della pandemia che poi ha evidenziato il legame tra salute dell’ambiente e salute dell’uomo.

Questo legame è poi quello indagato da Bonfante: a unire piante e uomo è il microbiota, definito “chiave della ricerca scientifica attuale”. Paola Bonfante ci spiega dunque di cosa si tratta, e perché sta rivoluzionando lo studio della biologia vegetale e - già oggi, ma ancora più in prospettiva - quello dell’agricoltura. Con un impatto potenzialmente enorme sulla nostra possibilità di coltivare anche in terreni poveri o carenti di certi elementi minerali, come dimostrano alcuni progetti in corso di cui la professoressa ci racconta.

Non solo: lo studio dell’interazione tra piante e microrganismi è stato reso possibile grazie anche a nuove tecnologie, come quelle omiche che dunque questi studi hanno fatto crescere, e del genome editing.

Scopri di più, guarda la video intervista:

I nostri canali social
go to top