• Premio Lombardia è Ricerca

    La Vecchia: “Covid-19, possibile nuova ondata. I vaccini un presidio”

    L’epidemiologo (UniMi) giurato del Premio Lombardia è Ricerca: determinante il tema sostenibilità

    di redazione open innovation | 09/07/2021

C’è la sostenibilità al centro dell’ultima edizione del Premio internazionale “Lombardia è Ricerca” di Regione Lombardia, per cui gli scienziati italiani possono candidare - fino al 25 luglio - scoperte significative, che spazino ad esempio dalla transizione energetica verso fonti rinnovabili alla mobilità sostenibile, dalla gestione ecocompatibile del ciclo di vita dei materiali alla riduzione di emissioni di CO2.

Della Giuria fa parte ancora una volta il professor Carlo La Vecchia, Ordinario di Statistica medica ed Epidemiologia all’Università degli Studi di Milano, nonché Temporary Advisor all’OMS, già membro e coordinatore Comitato dei Garanti del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita.

Di sostenibilità parla allora La Vecchia in questa video intervista, oltre che naturalmente della pandemia di Covid-19 di cui come studioso ha seguito tutte le evoluzioni sul territorio. Spiegando ad esempio come salute animale e umana siano collegate, nel concetto di Global Health.

L’esperto riflette dunque sulla possibilità di una nuova ondata di contagi in autunno, sulla pericolosità delle varianti di Sars-CoV2, sul ruolo determinante delle vaccinazioni e sulla loro distribuzione nel mondo. Perché, spiega, “probabilmente dovremo abituarci a convivere con questa pandemia”.

La Vecchia invita ad adottare una prospettiva globale nella risposta alla pandemia, dopo i ritardi che hanno caratterizzato i primi mesi di diffusione del Covid-19.

Guarda la video intervista:

 

I nostri canali social
go to top