• Piattaforma

    Fabbrica 4.0, BMW fa manutenzione predittiva leggendo i dati degli impianti

    Sensori, Intelligenza artificiale e Cloud per prevenzione dei guasti e riparazioni più efficienti

    di redazione open innovation | 14/09/2021

Sensori, analisi dati e intelligenza artificiale per effettuare una manutenzione predittiva dell’impianto di produzione auto a partire dall’analisi delle sue condizioni attuali ed effettive. Questa l’importante innovazione realizzata dal Gruppo BMW, che ha rivoluzionato il precedente approccio incentrato su una manutenzione rule-based a intervalli regolari.

Questo significa, anzitutto, che nella fabbrica 4.0 così impostata i macchinari stessi possono segnalare possibili anomalie e permettere così di prevedere i guasti prima che si verifichino, e per aggiornare i componenti in via precauzionale in modo da evitare interruzioni non necessarie.

Il nuovo metodo rappresenta un importante passo in avanti anche in termini di sostenibilità grazie all’utilizzo efficiente delle risorse, che garantisce la disponibilità ottimale dei sistemi e che permette di sostituire i componenti integri solo quando assolutamente necessario, e non prima del dovuto.

Come funziona? La manutenzione predittiva si avvale di una piattaforma cloud all’avanguardia per ottenere segnalazioni precoci su potenziali interruzioni della produzione.

I dati provengono direttamente dagli stessi impianti di produzione, collegati al cloud una sola volta tramite un portale, per il monitoraggio e la costante trasmissione dei dati che avviene una volta al secondo.

I singoli moduli software all’interno della piattaforma possono essere attivati e disattivati in maniera flessibile, a seconda delle necessità, per adattarsi immediatamente alle specifiche in constante aggiornamento.

Il valore aggiunto della soluzione è tangibile: la manutenzione predittiva rende possibile eseguire le attività di manutenzione e riparazione in base alle effettive condizioni dell’impianto all’interno di fermi produzione già pianificati, le riparazioni possono essere più accurate ed efficienti in termini di costi e risorse, ma non solo: il prolungamento dei tempi di funzionamento estende notevolmente il ciclo di vita degli strumenti e degli impianti.

La manutenzione basata su cloud è ora in fase di implementazione in tutto il network produttivo globale del Gruppo BMW, che gestisce 31 stabilimenti di produzione e assemblaggio in 15 Paesi. Un passaggio reso possibile dal fatto che - grazie all’alto grado di standardizzazione tra i singoli componenti - il sistema messo a punto è accessibile a livello globale, altamente scalabile e permette di implementare facilmente nuovi scenari di applicazione.

 

I nostri canali social
go to top