• Coronavirus e nuova mobilità, gli ingredienti per un piano strategico post-Covid

    di redazione open innovation

31 luglio 2020

Sale la sharing mobility, scende il trasporto pubblico, si prospettano partnership pubblico-privato. Serve un piano per la mobilità in tempi di coronavirus.

Una mobilità più sicura e flessibile: è questo quello che gli italiani vorrebbero dopo la diffusione del nuovo coronavirus. Il Covid-19 sta infatti ridisegnando il contesto sociale ed economico con impatti inevitabili sugli attori coinvolti nell’ecosistema mobilità.

Il settore automotive, ad esempio, prevede un calo delle immatricolazioni auto del 37% rispetto al 2019, come emerso dallo studio di Deloitte “From Now On: Mobility Boost, si apre una nuova fase”, mentre il 42% dei lavoratori italiani afferma di aver subìto perdite di reddito sostanziali e il trasporto pubblico prevede entro fine anno perdite per 1,5 miliardi di euro.

 

FONTE: https://www.economyup.it/innovazione/coronavirus-e-nuova-mobilita-gli-ingredienti-per-un-piano-strategico-post-covid/

AUTORE: Economyup

Vittorio Romano Zaccaria

04/08/2020 alle 07:06

Se si continua così, i mezzi di trasporto pubblici, non li prenderà più nessuno. Propongo di inserire un'apparecchiatura sugli autobus e tram che controlli automaticamente la temperatura dei passeggeri, in questo modo si tornerà a viaggiare come al solito occupando tutti i posti a sedere.

Angelo Visigalli

01/08/2020 alle 18:41

Utile riproporre Bando 2018 in scadenza a settembre 2020 per il.rinnovo parco mezzi elettrici per trasporto merci per piccole e medie imprese...consegne a domicilio green!!! Avanti

I nostri canali social
go to top