callhub poster

Infrastrutture e servizi per la Mobilità Sostenibile e Resiliente

  • Abstract

    MoSoRe@Unibs vuole investigare la resilienza dei sistemi e delle infrastrutture per la mobilità, proponendo soluzioni legate alle infrastrutture stradali, alle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, alle infrastrutture ICT e un nuovo vettore che permettano all’utente di spostarsi in sicurezza, tranquillità e nei tempi attesi, anche in presenza di eventi o di situazioni di emergenza. L’Hub sviluppato nell’ambito di MoSoRe sarà luogo di contaminazione creativa, di sviluppo e diffusione di competenze e delle soluzioni innovative proposte, genererà e amplificherà gli interscambi di conoscenza tra accademia, industria e territorio, per la realizzazione di progetti di sviluppo tecnologico-industriale, in collaborazione con alcune tra le migliori aziende lombarde, contribuendo alla crescita della competitività Regionale e aumentando l’attrattività per imprenditori e investitori, nazionali ed internazionali.

  • Descrizione

    MoSoRe@Unibs si declina in 6 azioni coordinate tra loro e articolate in attività di RI e di SS, per migliorare la

    resilienza della mobilità in scenari attuali e del prossimo futuro producendo nuovi prodotti, servizi e processi. Le piattaforme sviluppate saranno integrate secondo i paradigmi delle smart cities anche utilizzando l’ecosistema digitale E015 per la condivisione delle informazioni.

    A0. Architettura d’insieme e use cases (Unibs) di innovazione di processo, prevede il coordinamento tra i partners e i supporters esterni, così da ottenere sperimentazioni, prodotti e servizi che avvantaggino il maggior numero di soggetti, grazie ad un’attenta individuazione delle sinergie e al monitoraggio di rischi e opportunità che possono presentarsi

    A1. Infrastruttura di monitoraggio del traffico e delle emergenze (Fasternet) è finalizzata all’innovazione di servizi. La nuova Infrastruttura ICT, oltre a fornire informazioni su quantità e tipo di traffico, rileva potenziali situazioni di emergenza, quali affollamenti, allerta meteo, calamità naturali, criticità di infrastrutture stradali o di manufatti (A3

    A2. Drone innovativo (Imbal Carton), di innovazione di prodotto, vuole realizzare un drone da trasporto in categoria 25kg e con autonomia superiore ai 100km da utilizzarsi per la gestione di situazioni di emergenza, quali ad esempio trasporto di farmaci o di materiali biologici, monitoraggio di infrastrutture stradali e manufatti 

    A3 è di innovazione di prodotto e di servizio perchè finalizzata alla validazione sperimentale di un innovativo calcestruzzo rinforzato per jacketing di manufatti (pile ed impalcati) che sia integrabile con sensori e allo sviluppo di materiali cementizi smart per il monitoraggio diretto delle infrastrutture.

    A4. Infrastrutture di ricarica intelligente per mobilità elettrica (Ingenera) A4 produce innovazione di prodotto e di servizio, sviluppando sistemi di ricarica lenta e veloce, off-grid e on-grid, per veicoli elettrici, scooter ed e-bike (progetto Bicimia) e droni (A2), e servizi per l’utente a supporto della scelta della strategia di ricarica (A1). I sistemi di ricarica ideati useranno di sorgenti rinnovabili con sistemi di accumulo e altre fonti di energia, (A5). A5. Infrastrutture di servizio all’utente per la mobilità sostenibile (Genegis)

    A5 produce innovazione di servizio fornisce all’utente informazioni che ne favoriscano la mobilità sostenibile, incoraggiando l'uso della bicicletta per esempio, incrementando il turismo e fornendo servizi specifici all’utente fragile. La piattaforma fornirà dati sull’inquinamento, dati meteo, ed altro. Grazie all’integrazione con A1, fornirà anche dati sul traffico e su possibili eventi o calamità naturali, riducendo la possibilità di incidenti agli utenti più deboli della mobilità (pedoni, ciclisti).

  • Approfondimento tecnico

    Il progetto MoSoRe sperimenterà come attraverso piattaforme ICT sia possibile avere: infrastrutture stradali più sicure, infrastrutture di ricarica collaborative e a basso impatto sulla rete, enti preposti in grado di gestire al meglio la viabilità e il trasporto farmaci e AED in situazioni di emergenza, utenti che possano scegliere percorsi sulla base delle proprie esigenze (riduzione dei tempi di spostamento, esigenze di ricarica, scopi terapeutici o turistici). Gli attuali sistemi di monitoraggio di ponti non permettono di intervenire sulle strutture prima del collasso, che implica interventi parziali e poco durevoli o rimozione e ricostruzione ad elevato impatto sulla viabilità e bassa sostenibilità (rifiuti, energia per la demolizione e ricostruzione). Aspetti innovativi riguardano l’estensione del modello di ‘smart street’ finalizzata al controllo adattivo dell’illuminazione pubblica agli aspetti di sicurezza attraverso sistemi multisensoriali integrati innovativi. Il progetto MoSoRe estende al bike-sharing (progetto e-Bicimia-Brescia), agli scooter e alle carrozzine per disabili le linee guida di Regione Lombardia sulle infrastrutture di ricarica, includendo veicoli innovativi come i droni da trasporto. Il progetto Fastned ha sperimentato la ricarica parziale (per ridurre i tempi, o per ridurre l’impatto sulla rete), e la ricarica quantificata sulla base del percorso da effettuare (km). MoSoRe estende questo approccio, personalizzando la conversione kWh/km, sulla base della profilazione del veicolo, dello stile di guida dell’utente e del suo “range anxiety”. Le stazioni di ricarica smart che saranno realizzate, installate e validate anche rispetto a servizi di car-sharing, saranno alimentate da fonti energetiche rinnovabili (affiancate da sistemi di accumulo) e non (GPL/Metano), limitando l’interazione con la rete. Una piattaforma informativa per l’utente, che lo consigli sul percorso sulla base di preferenze profilate o impostabili al momento (tempo di percorrenza, disponibilità/costo di ricariche, esigenze di riabilitazione o di fitness, turismo, traffico, disponibilità di piste ciclabili) verrà affiancata ai sistemi di ricarica. Per quanto riguarda l’innovazione di prodotto, sarà realizzato e sperimentato per trasporto verso rifugi CAI di strumenti (es. AED), plasma o organi, un drone in categoria 25kg (trasporto di 5 kg, 150km/h autonomia 100km).

  • Highlight

    Il progetto MoSoRe intende mettere a sistema e capitalizzare competenze ed eccellenze nel settore della mobilità e dei trasporti, che in Lombardia conta 28 mila imprese con 250 mila addetti e un volume d’affari di 39 miliardi di Euro.

  • Impatto territoriale

    Il progetto è di fatto incentrato sulla trasformazione digitale di servizi e ambienti sul territorio Lombardo. L’area geografica di focalizzazione del progetto che pure intende aver un respiro nazione, europeo e internazionale, su cui insiste e/o dovrà insistere l’intervento è composta dalle seguenti province:

    Bergamo

    Brescia

    Mantova

    Milano

    Monza e della Brianza

    Varese

  • Impatto S3

    Il progetto MoSoRe si colloca nel tema MS3.5 “Sviluppo di soluzioni ICT basate su open data e/o big data per la mobilità smart e sostenibile” in quanto, pur abbracciando ambiti diversi tra loro e apparentemente indipendenti, quali le infrastrutture stradali e le infrastrutture di ricarica, l’uso di soluzioni ICT basate sulla condivisione delle informazioni, in analogia alle Smart Cities&Communities, ha benefici di costo e un impatto positivo sulla replicabilità e sull’integrazione in altri contesti delle soluzioni sviluppate.

    MS3.3 grazie alle attività di recupero di manufatti e di monitoraggio dello stato di usura del manto stradale; MS3.1 per i “sistemi innovativi di comunicazione” I2V (infrastruttura - veicolo), dato che l’infrastruttura di ricarica comunica all’utente i percorsi migliori per giungere a ricaricare in modo ottimale; il drone da trasporto si colloca in MS3.4, grazie al sistema di recupero di energia dalle vibrazioni del motore e si hanno affinità con MS2.5 “Sviluppo di sistemi innovativi per il recupero di energia nei veicoli”; infine alcune attività connesse alle nuove stazioni smart di ricarica di veicoli elettrici si inquadrano in AE4.1 “Ricarica di veicoli elettrici”.

  • Ambito europeo

    Le attività del progetto sono collegabili a quelle relative al filone della smart mobility, in particolare alle call “Building a low carbon climate resilient future: Green Vehicles” all’interno del Workprogramme n.11  Smart, green and integrated transport

LOGO DEL PROGETTO
  • Infrastrutture e servizi per la Mobilità Sostenibile e Resiliente

  • Acronimo
    MoSoRe@Unibs
  • Ecosistemi
    • Smart Mobility e Architecture
  • Numero componenti team
    107
  • Keyword
    Infrastrutture e opere d’arte stradali, sistemi di trasporto innovativi, veicoli elettrici, infrastrutture ICT, sistemi sensoriali innovativi, sicurezza, gestione emergenze, mobilità sostenibile, infrastrutture di ricarica, network territoriale, smart cities, smart street.
  • Valore economico progetto
    10.943.963,97 €

    Valore economico finanziamento
    4.999.871,76 €
  • Partner
    - FASTERNET SOLUZIONI DI NETWORKING S.R.L. - INGENERA S.R.L. - GENEGIS GI S.R.L. - IMBAL CARTON S.R.L. - STMICROELECTRONICS S.R.L. - ENEA - AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ITALCEMENTI FABBRICHE RIUNITE CEMENTO S.P.A.

    Capofila
    UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA - UNIBS
go to top