• Alcune evidenze sulla modalità di svolgimento della didattica a distanza e sugli effetti per le famiglie italiane

    di redazione open innovation

07 giugno 2021

Lo studio di Banca d’Italia analizza l’evoluzione della didattica alla luce della diffusione della didattica a distanza nella scuola italiana

 

Negli ultimi due anni scolastici in Italia si è fatto ampio ricorso alla didattica a distanza (DaD). Da una recente indagine della Banca d'Italia emerge che nelle scuole primarie e secondarie di I grado tra marzo 2020 e febbraio 2021 in media quasi la metà delle ore di DaD sono state coperte da lezioni in modalità asincrona, in cui docenti e alunni non sono presenti contemporaneamente su una piattaforma digitale (ad esempio, lezioni registrate o svolgimento individuale di compiti assegnati dal docente); nelle scuole secondarie di II grado invece la maggior parte delle lezioni a distanza si è svolta in modalità sincrona.

Il tempo dedicato dai genitori ad assistere i figli nello studio è stato significativamente maggiore nei periodi di didattica a distanza rispetto a quelli in presenza, soprattutto per i nuclei con bambini più piccoli.

 

FONTE: https://www.bancaditalia.it/media/notizia/alcune-evidenze-sulla-modalit-di-svolgimento-della-didattica-a-distanza-e-sugli-effetti-per-le-famiglie-italiane/          

AUTORE: Banca d'Italia

 

1 contributo

Alice Verioli

08/06/2021 alle 09:48

Ne deriva con chiarezza l'importante ruolo svolto dalla scuola, non solo come luogo di cultura e di crescita ma anche come supporto alla gestione del tempo per molte famiglie. Sarebbe interessante un approfondimento anche su altre due variabili:

- la mancata presenza dei nonni, soggetti particolarmente deboli e in molti casi protetti attraverso l'allontanamento dai nipoti, figure che spesso rappresentano il vero servizio di assistenza alle famiglie

- come la gestione della DaD abbia influito nel caso di nuclei famigliari composti da due adulti o da un solo adulto

I nostri canali social
go to top