• La pandemia ha messo in evidenza i limiti dell’intelligenza artificiale

    di redazione open innovation

10 dicembre 2020

Il Coronavirus ha messo a nudo alcune criticità dell’intelligenza artificiale nella gestione delle emergenze

 

Mentre Covid-19 si è diffuso in tutto il mondo, i modelli di intelligenza artificiale sono stati applicati con l’obiettivo di fermare il virus. È possibile che i risultati siano deludenti? Inaspettatamente l’eroe, anzi l’eroina, che emerge dalle ceneri della pandemia è la ‘folla’.

La folla di scienziati che condividono dati, delle aziende e produttori locali che iniziano da zero a produrre DPI e delle persone che si organizzano in gruppi di mutuo aiuto. L’articolo fornisce una lettura critica del ruolo dell’intelligenza artificiale durante la crisi causata da Covid-19.

 

FONTE: https://www.nesta.org.uk/blog/how-the-pandemic-has-exposed-ais-limitations/

AUTORE: Nesta

 

1 contributo

Pier Luigi Caffese

11/12/2020 alle 10:12

Non sono d'accordo con Nesta e sono contrario alla visione negativa di Nesta sulla intelligenza artificiale.Cito solo un caso ma potrei citarne 10 ad esempio in Corea del Sud.. Lo studio descrive il primo strumento di intelligenza artificiale per aiutare i laboratori a escludere COVID-19Testo originale Read more At: https://www.aninews.in/news/health/study-details-first-artificial-intelligence-tool-to-help-labs-rule-out-covid-1920201211113550 Il nuovo coronavirus è il rischio economico e per la salute pubblica più significativo che il mondo abbia dovuto affrontare in quasi un secolo. Ha infettato più di 65 milioni di persone e ucciso più di 1,5 milioni. Il danno economico derivante dalla perturbazione dovrebbe essere il peggior calo del PIL globale dalla Grande Depressione. Di fronte a una nuova crisi economica e sanitaria, la Corea del Sud ha utilizzato gli insegnamenti tratti dalla sua recente esperienza in merito all'epidemia di MERS del 2015, ma ha anche integrato l'intelligenza artificiale (AI) nella sua risposta all'epidemia di COVID-19 . All'inizio di gennaio il coronavirus è stato ampiamente contenuto in Cina. Il primo caso al di fuori della Cina, in Thailandia, non sarebbe stato segnalato fino al 13 gennaio. Il Giappone ha segnalato il suo primo caso il 15 gennaio. Con la diffusione del virus, l'azienda sudcoreana Seegene ha deciso di sviluppare un kit di test COVID-19 utilizzando AI. Utilizzando AI, Seegene è stato in grado di ridurre il tempo di sviluppo da pochi mesi a tre settimane e fornire un test affidabile con settimane del primo caso segnalato in Corea del Sud. Successivamente le aziende sudcoreane hanno utilizzato l'IA durante la pandemia per cercare trattamenti per COVID-19, migliorare la diagnosi e monitorare coloro che sono in quarantena. Le società di biogenetica sudcoreane Theragen Etex e Synteka Bio stanno utilizzando l'IA per accelerare la ricerca di trattamenti promettenti per COVID-19, mentre Lunit, una società di soluzioni mediche, ha sviluppato un sistema di intelligenza artificiale per leggere i raggi X del torace per aiutare a diagnosticare COVID-19. Altre aziende hanno sviluppato tecnologie AI simili per aiutare con la diagnosi o determinare il rischio di infezione in strutture multiuso. SK Telecom ha adattato un sistema di intelligenza artificiale progettato per l'assistenza agli anziani, Nugu, per il monitoraggio remoto di individui con sistemi COVID-19 in quarantena. Conosciuto come "Nugu Carecall", lo stesso sistema può monitorare gli anziani isolati alla ricerca di parole che potrebbero suggerire la necessità di una visita da parte di un operatore sanitario e anche degli anziani con quiz per testare la loro memoria e le funzioni cognitive . KT ha un sistema simile che consente agli anziani di fissare appuntamenti e impegnarsi in altre attività. Ci sono preoccupazioni, tuttavia, su come verranno utilizzati i dati dei sistemi di intelligenza artificiale progettati per monitorare l'uomo. Sebbene l'IA abbia un ruolo nel trattare con COVID-19, questa tecnologia sempre più significativa è anche una parte importante dei piani dell'amministrazione Moon per il futuro economico della Corea del Sud . L'amministrazione Moon ha identificato fin dall'inizio l'IA come una delle tre aree strategiche per gli investimenti governativi per promuovere la crescita innovativa, insieme ai dati e all'economia dell'idrogeno, e ha una visione più ampia dell'IA per migliorare la felicità personale dei sudcoreani. Come parte della guida AI dell'amministrazione Moon, nel 2017 ha istituito il Comitato presidenziale sulla quarta rivoluzione industriale per prendere in considerazione la politica sull'intelligenza artificiale e sui dati. Nel 2018, il comitato ha annunciato una strategia di ricerca e sviluppo sull'intelligenza artificiale che richiedeva alla Corea del Sud di investire 2,2 trilioni di won in cinque anni per sostenere lo sviluppo della tecnologia AI e l'istituzione di sei scuole di specializzazione in intelligenza artificiale per formare i talenti necessari affinché la Corea del Sud sia competitiva AI. Nel 2019, il governo sudcoreano ha annunciato nuovi piani per rafforzare la produzione della Corea del Sud nelle aree chiave dell'IA con lo sviluppo di una strategia di rinascita della produzione e una strategia di semiconduttori di sistema. La Manufacturing Renaissance Strategy mira a costruire 2.000 fabbriche basate sull'IA come parte di un più ampio processo di riforma della produzione. La strategia System Semiconductor è più ambiziosa. Si pone l'obiettivo di raggiungere il 10% del mercato mondiale dei chip fabless e diventare il primo paese per le fonderie di semiconduttori entro il 2030. Attualmente, solo un'azienda sudcoreana è tra le prime 50 aziende fabless del mondo. Per raggiungere questi obiettivi, il governo prevede di allineare la sua strategia con gli investimenti di Samsung nel settore delle fonderie, investire quasi 860 milioni di dollari in ricerca e sviluppo per i semiconduttori AI e stanziare 86 milioni di dollari per la creazione di un fondo per supportare lo sviluppo di aziende fabless. Più in generale, tutte queste iniziative fanno parte dell'iniziativa DNA della Corea del Sud - dati, rete e intelligenza artificiale - per far avanzare l'economia sudcoreana per il 21 ° secolo. Strategia nazionale della Corea del Sud per l'intelligenza artificiale Poco prima dello scoppio del COVID-19, l'amministrazione Moon ha rilasciato una strategia nazionale per l'intelligenza artificiale. La strategia prevede che la Corea del Sud crei un governo orientato all'IA che "fornisca servizi di alta qualità, a partire da quelle aree che possono avere un impatto diretto sulla vita delle persone come l'ambiente, i disastri, la sicurezza e la difesa nazionale, in modo che il pubblico possa percepire i cambiamenti . " La strategia nazionale per l'intelligenza artificiale stabilisce 100 diversi compiti per il governo in tre aree entro il 2030: competitività dell'IA, utilizzo su vasta scala dell'IA e sviluppo di un approccio all'IA incentrato sulle persone. Ciascuna di queste aree ha obiettivi secondari. Nell'area della competitività, la Corea del Sud mira a portare la sua competitività digitale al terzo posto nel mondo, raggiungere il 95% di competitività nell'IA, espandere in modo significativo l'offerta e l'accesso ai big data e raggiungere uno dei primi cinque ambienti normativi per l'IA. Per l'utilizzo su larga scala dell'IA, la Corea del Sud ha fissato l'obiettivo di migliorare il suo pool di talenti AI con l'obiettivo di aiutare i sudcoreani a utilizzare l'IA a partire dalle scuole elementari e medie per creare un apprendimento AI permanente. Ha anche fissato l'obiettivo di migliorare il suo livello di valore aggiunto nella produzione al 30 percento dall'attuale 25,5 percento, come delineato nella sua strategia di rinascita della produzione, e di espandere l'IA in tutti i settori dell'economia, incluso l'aggiornamento del modo in cui funziona il governo e come fornisce servizi. La Corea del Sud spera inoltre di utilizzare l'intelligenza artificiale per migliorare la vita dei suoi cittadini. La strategia nazionale mira a fare della Corea del Sud uno dei primi 10 paesi in termini di qualità della vita e dei primi cinque in termini di soddisfazione di vita tra i paesi OCSE, contribuendo anche a livello globale a stabilire norme per l'uso etico dell'IA. La strategia nazionale investirà 858 milioni di dollari nello sviluppo di semiconduttori AI, mentre il budget nazionale per AI è stato inizialmente aumentato del 50% per il 2020. Ciò è stato integrato dal New Deal digitale , che è progettato per aiutare la Corea del Sud a costruire la sua economia per il periodo post-COVID. Nell'ambito del Digital New Deal la Corea del Sud investirà 11 miliardi di dollari per migliorare il proprio DNA nei prossimi tre anni. I vantaggi economici della strategia AI della Corea del Sud potrebbero essere significativi. Si prevede che l'intelligenza artificiale aggiungerà $ 15,7 trilioni all'economia globale entro il 2030 e, in caso di successo, la strategia nazionale della Corea del Sud dovrebbe aggiungere fino a $ 390 miliardi al suo attuale $ 1,64 trilioni di PIL nello stesso periodo. Le aziende sudcoreane passano all'IA Per migliorare la loro competitività internazionale, le imprese sudcoreane hanno iniziato a raggrupparsi in due coalizioni per mettere in comune le proprie risorse. Uno è guidato da KT include LG Uplus e LG electronics, mentre l'altro include Samsung Electronics e Kakao ed è guidato da SK Telecom. Il gruppo SK Telecom si sta concentrando sulla propria esperienza negli assistenti vocali come Bixby di Samsung, NUGU di SK Telecom e il servizio Hey Kakao di Kakao. Il gruppo guidato da KT prevede di condividere la tecnologia in modo più ampio e di collaborare alle soluzioni di IA per le pandemie che si baserebbero sulla piattaforma globale di prevenzione delle pandemie di KT . Samsung, la principale azienda di telecomunicazioni in Corea del Sud, ha iniziato a concentrarsi più intensamente sull'intelligenza artificiale nel 2017 e ha il maggior numero di brevetti di intelligenza artificiale di qualsiasi azienda al mondo secondo OxFirst. Considera l'AI come una componente importante del suo futuro e sta cercando di integrare l'AI nei suoi prodotti e servizi . Ciò include applicazioni come l'utilizzo dell'IA per eseguire l'upscaling di contenuti a bassa risoluzione sui televisori per la visualizzazione 8K. Samsung sta anche cercando di espandersi oltre il suo dominio nell'area dei semiconduttori di memoria nei semiconduttori automobilistici e AI . All'inizio di quest'anno, Samsung è entrata nel mondo degli esseri umani simulati con il suo progetto NEON. L'obiettivo è creare compagni credibili, portavoce, conduttori televisivi e altri servizi nel mondo virtuale. Samsung non è l'unica azienda sudcoreana che lavora allo sviluppo di esseri umani simulati. L'emittente sudcoreana MBN ha recentemente presentato un anchor virtuale , o AI-caster, basato sull'anchor Kim Ju-ha da utilizzare durante le emergenze. SK Telecom ha recentemente sviluppato un semiconduttore AI potenziato per il cloud computing, un'area in cui anche i suoi concorrenti Naver e Kakao stanno lavorando per espandersi. Kakao sta cercando di utilizzare l'intelligenza artificiale nelle case, nelle automobili, nei servizi B2B e sta collaborando con la Bank of Korea per migliorare le capacità di intelligenza artificiale della banca centrale. Sfide per il futuro dell'IA della Corea del Sud .Nonostante sia una delle principali economie tecnologiche del mondo, la Corea del Sud ora sta solo mettendo in atto i pezzi per essere competitiva nell'IA. Si colloca all'ottavo posto al mondo per AI, ma è in ritardo in aree come il talento, l'ambiente operativo e le iniziative commerciali. Nessuno dei chaebol , i grandi conglomerati della Corea del Sud, è attualmente visto come tra le aziende che plasmano il futuro dell'IA nonostante il vantaggio dei brevetti AI di Samsung, mentre la Corea del Sud è in ritardo in aree in crescita come gli assistenti vocali digitali . Rimane anche fuori dalla top ten per gli investimenti in AI . Mentre i chaebol come Samsung sono ben posizionati per investire e sviluppare applicazioni AI innovative nonostante le lacune più ampie nell'ecosistema AI della Corea del Sud, la Corea del Sud manca di startup AI. Secondo CBInsights , nessuna azienda sudcoreana è entrata nella lista delle 100 migliori startup AI al mondo. Lo sviluppo di startup in generale è stato un problema per la Corea del Sud. L'OCSE ha notato che la maggior parte sono piccole imprese in aree a bassa produttività che non riescono a espandersi, mentre il sostegno del governo tende a concentrarsi maggiormente sull'aiutare le PMI a sopravvivere che sull'aumento della produttività. Alcuni di questi stanno iniziando a cambiare. Seoul per la prima volta è entrata nella classifica dell'ecosistema di startup di Startup Genome al numero 20 . Nessun altro ecosistema di startup della Corea del Sud è classificato a livello globale. Rispetto alla concorrenza globale, Seoul tende a rimanere indietro in aree come il talento e la connessione. In termini di talento, tende a ottenere punteggi bassi nelle aree di qualità e capacità di scalare i talenti. Per affrontare questo problema, il governo sudcoreano ha istituito l' AI Open Innovation Hub per fornire alle PMI e alle startup l'accesso ad algoritmi, dati e computer ad alta potenza, ma nel contesto dell'ecosistema di startup della Corea del Sud rimangono sfide. Le sfide, tuttavia, si estendono più in profondità in termini di talento. Gli studi hanno dimostrato che una mancanza di diversità di genere nello sviluppo dell'IA può provocare pregiudizi di genere. Sebbene la Corea del Sud abbia migliorato notevolmente le sue assunzioni per la ricerca sull'IA nell'ultimo anno, sarà necessario affrontare la mancanza di diversità di genere. Secondo uno studio dell'UNESCO del 2017, solo il 18% dei ricercatori di IA sudcoreani sono donne e nel 2019 solo il 12%dei documenti della conferenza sudcoreana sull'IA sono stati scritti da donne. La strategia nazionale per l'intelligenza artificiale nel tempo dovrebbe aiutare la Corea del Sud ad affrontare il più ampio divario di talenti che deve affrontare con altri paesi, ma il governo e le società sudcoreane dovranno lavorare per garantire che il talento sviluppato sia il più diversificato possibile. L'amministrazione Moon ha ragione a concentrarsi sull'IA. Come con qualsiasi tecnologia emergente, può essere vulnerabile a essere sovrastimata, ma è chiaro che l'IA ha un ruolo importante da svolgere nel futuro delle economie sviluppate come la Corea del Sud. Tuttavia, per avere successo, la Corea del Sud dovrà continuare a investire risorse, sviluppare talenti, migliorare l'ecosistema per le startup e lavorare per evitare i pregiudizi che possono penetrare nell'IA quando è programmata senza un pool di ingegneri profondo e diversificato.

I nostri canali social
go to top