• Nuove scintille per l'industria dei veicoli elettrici

    di redazione open innovation

18 dicembre 2020

La progettazione e la produzione di veicoli elettrici comporta una serie di sfide completamente diverse, anche senza una pandemia globale come sfondo

 

Ripensare all'inizio del 2020 può sembrare un secolo fa. Prima che la pandemia prendesse piede a livello globale, l'industria dei trasporti era già nel mezzo di una grande ed entusiasmante transizione. Il passaggio ai veicoli elettrici (EV) si stava intensificando. Cosa si può fare per spingere ulteriormente il settore dei veicoli elettrici nonostante l'attuale situazione globale? Come qualsiasi altra cosa nel panorama di oggi sembra essere molto complicato, ma è possibile ottenere nuovi traguardi.

Dalla progettazione di veicoli elettrici alla produzione e all'ottimizzazione e produzione delle batterie, dobbiamo affrontare i cambiamenti necessari in modo diretto per un approccio nuovo e radicale alla progettazione e alla produzione.

 

FONTE: https://www.greenbiz.com/article/new-sparks-electric-vehicle-industry

AUTORE: GreenBiz

 

1 contributo

Pier Luigi Caffese

19/12/2020 alle 14:04

Caffese consiglia al Governo e Regioni: 1.Consorzio Interregionale Pompaggi e Ricariche con produzione di H2 verde da pompaggi per 3.000 TWh investendo su fondi Europei 45 miliardi 2.Significa che 20 regioni sottoscrivono 200 milioni a regione per 10 anni e gli altri 5 sono a carico Stato e Europa.Il business a regime è di 150 miliardi annui perchè prevede di vendere anche prodotti di chimica verde. 3.Caffese ha un sistema di ricarica in roaming e wireless esteso a camion,moto,bici,boat elettrici sia per abitazioni che parking e aziende 4.Caffese prevede un Accordo con Nuvve Corporation, leader nella tecnologia Vehicle-to-Grid (V2G), e IoTecha Corp., un fornitore di tecnologia di ricarica intelligente per veicoli elettrici (EV), stanno unendo le forze per implementare e commercializzare una soluzione di ricarica bidirezionale per veicoli elettrici con il Combined Spine standard di ricarica (CCS) che supportano il protocollo ISO / IEC15118. 5.Questo approccio consente agli OEM automobilistici che utilizzano la presa CCS per i loro veicoli di abilitare il flusso di energia bidirezionale sui loro veicoli quando accoppiato con la tecnologia IoTecha e Nuvve. Le versioni future dello standard saranno supportate da aggiornamenti software over-the-air. 6.La nuova soluzione V2G consentirà ai veicoli elettrici di eseguire servizi di ricarica bidirezionale utilizzando integrazioni sicure da cloud a cloud. Utilizzando la tecnologia ISO / IEC 15118 di IoTecha, che è già stata implementata in migliaia di caricabatterie ed è stata testata con successo sull'interoperabilità con la maggior parte dei marchi di veicoli elettrici, gli utenti trarranno vantaggio da un sistema plug and play di facile utilizzo. 7.Per le aziende elettriche del Consorzio Interregionale, la soluzione utilizza i requisiti più rigorosi del settore garantendo misurazioni di precisione e invio rapido di servizi con elevata granularità. 8.Infine, il protocollo di comunicazione garantirà la protezione della batteria dei veicoli elettrici grazie alla piattaforma GIVe V2G di Nuvve utilizzando dati avanzati sulle informazioni sulla batteria dal veicolo. 9.Una delle prime implementazioni di questa integrazione andrà a beneficio degli scuolabus elettrici. Con le loro grandi batterie e potenti caricatori combinati con la presa CCS-1 standard, gli scuolabus elettrici saranno in grado di fornire una varietà di servizi, dalla partecipazione al mercato dell'energia all'ottimizzazione energetica degli edifici e ai servizi di resilienza.

I nostri canali social
go to top