• Piattaforma

    Formazione, PoliMi e Bocconi nella top 10 globale dei master

    Il primo avanza sul Supply Chain Management. Tra i criteri occupabilità e risultati di carriera

    di redazione open innovation | 15/10/2020

Supply Chain Management e International Management, questi i due master rispettivamente del Politecnico di Milano, e dell’Università Bocconi che si sono posizionati al 7° e 9° posto a livello mondiale nella classifica Qs World University Rankings dedicata ai master.

La SDA – sempre Università Bocconi - si conferma invece al 23° posto nel ranking dei master in Business Administration, ma anche la LUISS di Roma figura nelle classifiche dei master in management e in finanza, in entrambi i casi intorno alla posizione numero 100.

Sono stati i criteri dell’occupabilità, del rapporto qualità-costo, del ritorno sull’investimento e della leadership a far elevare i punteggi di Politecnico e Bocconi, mentre la Luiss di Roma è l’altro polo italiano in classifica con master interessanti come quello dedicato alla gestione dei Big Data. I criteri principali utilizzati per stilare le classifiche Qs includono, oltre a quelli già citati, imprenditorialità e risultati in termini di carriera, diversità di classe e docenti.

È di quest’anno il debutto della classifica dedicata al Supply Chain Managemen, che ha visto emergere proprio l’offerta del Politecnico di Milano e che si è andato ad affiancare ai ranking dei corsi post-laurea in Business Analytics, finanza, Management e Marketing, nonché full-time MBA.

L’emergenza Covid-19, il conseguente lockdown e il cambiamento nelle abitudini di vita di ognuno di noi stanno del resto contribuendo alla necessità e alla crescita del settore del Supply Chain Management. Si tratta dunque di un percorso di carriera emergente nei prossimi anni e fin da ora un grande numero di aziende sta cercando figure specializzate proprio in questo ambito.

 

I nostri canali social
go to top