• Piattaforma

    Nuovi fondi Interreg Italia Svizzera, Infoday in Regione il 18 e 24 giugno

    Iscrizioni fino al 17 giugno per conoscere i dettagli del secondo avviso da 17,5 milioni

    di redazione open innovation | 13 giu 2019

Arrivano nuovi fondi per il programma Interreg Italia-Svizzera per progetti di cooperazione transfrontalieri fra i due Paesi: una dotazione di 17,5 milioni di euro per la parte italiana e di 9,9 milioni di franchi per la parte svizzera.

Due giornate dedicate a Milano

I contenuti dell’avviso, il secondo relativo al bando, verranno presentati nel dettaglio durante gli Infoday di Milano nelle sedi di Regione Lombardia: il 18 giugno a Palazzo Pirelli (Auditorium Giorgio Gaber) e il 24 giugno a Palazzo Lombardia (Auditorium Giovanni Testori).

Al centro dell’incontro del 18 giugno ci saranno i temi e i destinatari del secondo Avviso, oltre alle modalità di presentazione delle candidature attraverso il Sistema Informativo “SiAge”; nel corso dell’Infoday del 24 giugno è previsto invece un approfondimento sulle Linee guida e sulle condizioni di ammissibilità delle spese.

Verranno inoltre predisposte aree dedicate in cui i partecipanti potranno dialogare e cercare potenziali partner per i nuovi progetti.

Per partecipare alle due giornate è necessario iscriversi inviando una mail all’indirizzo di posta interreg.italiasvizzera@gmail.com, entro le ore 12 del 17 giugno, indicando il proprio nominativo, l’ente e/o azienda di appartenenza e la giornata a cui si intende partecipare.

Il numero di posti è limitato. Sarà comunque possibile seguire l’evento in web streaming sulla pagina web del Programma Interreg Italia Svizzera: www.interreg-italiasvizzera.eu

Candidature al via dal 26 giugno

Dal 26 giugno invece sarà possibile - per i partenariati dal valore compreso fra 700 mila e 1 milione di euro - presentare la candidatura per ricevere il finanziamento.

I settori interessati sono quelli della mobilità integrata e sostenibile, dei servizi per l’integrazione delle comunità e del rafforzamento della governance transfrontaliera.

I nostri canali social
go to top