• Piattaforma

    Recovery Fund, ecco le linee guida italiane per spenderlo

    Tra gli obiettivi il raddoppio della crescita e la digitalizzazione della PA

    di redazione open innovation | 09/09/2020

“Raddoppiare il tasso di crescita dell’economia” rispetto a quello degli ultimi dieci anni ovvero lo 0,8%, pari alla metà della media Ue e “aumentare il tasso di occupazione di 10 punti passando dal 63% al 73,2%, “per arrivare all’attuale media Ue”.

Questi due degli traguardi più ambiziosi fissati nella bozza, che l’Italia ha definito il 9 settembre per presentarla all’Unione Europea: bozza in cui illustra le proprie linee guida sulla spesa dei 209 miliardi assegnati al nostro Paese da Next Generation EU, il fondo per la ripresa post Covid parte del totale di 390 miliardi di sussidi e 360 di prestiti del Recovery Fund.

Nel complesso, la bozza di PNRR - Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza - il piano definitivo verrà presentato più avanti, in tempo per l’attuazione del Recovery Fund a gennaio 2021 - vede messi in fila 4 sfide e 6 missioni, a cui fanno fa sfondo costante innovazione e sostenibilità.

Il PNRR si basa poi sul Piano di Rilancio presentato dal Presidente del Consiglio, che vede come obiettivi un Paese “completamente digitale”, con investimenti “in formazione  e ricerca” e “infrastrutture più sicure ed efficienti”; un’Italia “più verde e sostenibile”, ma anche “più equa ed inclusiva”; “una Pubblica Amministrazione al servizio dei cittadini e delle imprese”; un tessuto economico “più competitivo e resiliente”; un piano di sostegno alle filiere produttive; leggi più moderne ed efficaci.

I Cluster - missioni di intervento elencati sono invece digitalizzazione e innovazione; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per la mobilità; istruzione e formazione; equità, inclusione sociale e territoriale; salute.

In ogni ambito vengono poi dettagliate le azioni concrete previste. Per quel che riguarda digitalizzazione e innovazione, ad esempio, si punta all’identità digitale unica per cittadini e imprese, il completamento della rete nazionale in fibra ottica e gli interventi per lo sviluppo del 5G.

In allegato il pdf integrale con le linee guida del PNRR presentato dall’Italia.

go to top