• Redazione

    Manifattura, il 20-21/10 il World Manufacturing Forum: a Cernobbio e on line

    L’evento sostenuto da Regione Lombardia quest’anno su tecnologie digitali ed economia circolare

    di redazione open innovation | 18/10/2021

Torna in presenza a Cernobbio (CO), il 20 e 21 ottobre, l’edizione 2021 del World Manufacturing Forum, l’evento internazionale di riferimento per il mondo della manifattura dedicato quest0anno a “Le tecnologie digitali: fattori abilitanti dell’economia circolare – Prospettive per il futuro del Manifatturiero”.

Ancora una volta il WMF punta a discutere delle tendenze di innovazione e sviluppo globali, delle sfide e degli obiettivi del settore manifatturiero, grazie a una ricca articolazione di interventi qualificati e alla partecipazione di leader internazionali, esponenti dell’industria, di grandi, medie e piccole imprese, del mondo accademico e dei Governi coinvolti (come Europa, Stati Uniti, Cina, Corea del Sud, Giappone, Sud Africa).

La manifestazione si svolgerà in formato ibrido, ovvero sia in digitale sia in presenza nella consueta cornice di Villa Erba, dove sono attesi un migliaio di partecipanti (su invito) e da cui l’evento verrà trasmesso in live stream.

Per seguire la due giorni, collegati alla pagina dell’evento: clicca qui.

Sul sito della manifestazione i partecipanti potranno seguire le quattro sessioni in streaming, trovare materiali di approfondimento, video e interviste a esperti e figure di spicco del panorama industriale, accademico, economico. 

Nella seconda giornata verrà presentato il WM Report, curato da un comitato scientifico internazionale e quest’anno dedicato alla “Digitally Enabled Circular Manufacturing”.

Il contributo di Regione

Come nelle precedenti edizioni, la manifestazione ha il sostegno di Regione Lombardia (che aveva anche appoggiato il trasferimento in pianta stabile dell’evento a Cernobbio) come partner fondamentale: il contributo alla World Manufacturing Foundation è di 200 mila euro.

L’iniziativa della Fondazione - che vede tra gli enti fondatori Confindustria Lombardia, Politecnico di Milano e IMS International - sposa del resto uno degli obiettivi dichiarati delle azioni dell’ente regionale: favorire “la forte vocazione internazionale dei territori nonché sviluppare iniziative per l’internazionalizzazione delle imprese e l’attrazione di investimenti”, come si legge nella delibera di finanziamento del WMF (in allegato).

I temi dell’edizione 2021 poi, con l’accento sul ruolo delle tecnologie digitali per raggiungere la sostenibilità ambientale nel manifatturiero e sull’economia circolare,  rappresentano un’indicazione importante per la resilienza del settore sul territoro.

I numeri della manifattura in Lombardia, i dati di inizio 2021

Un settore che in Lombardia - benché condizionato dalla situazione di emergenza sanitaria ed economica legata alla pandemia di Covid-10 - conta pur sempre circa 100 mila imprese (il 20% del totale italiano), circa 1 milione di addetti, 250 miliardi di fatturato, 68 miliardi di valore aggiunto, il 38,8% degli addetti alla manifattura ad alta e medio-alta tecnologia sul totale manifattura, 120 miliardi di export nel 2019 (i prodotti manifatturieri rappresentano il 97% delle esportazioni lombarde).

A inizio 2021, i dati congiunturali denotano sia un aumento costante del clima di fiducia del manifatturiero, posizionandolo sui massimi di fine 2017, sia un aumento nella produzione di alcuni settori, quali elettronica (+22%) e farmaceutica (+21%), che superano in modo robusto i livelli del primo trimestre 2019;

Per il futuro, l’orizzonte più promettente è quello della Manifattura 4.0: una manifattura che punta sull’innovazione e su una maggiore propensione delle singole imprese a fare rete e a operare per filiere.

 

go to top