L'intervista

23 luglio 2020

Già nefrologo di fama internazionale, da luglio 2018 il professor Giuseppe Remuzzi è Direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS.


Da più di 35 anni il professor Remuzzi fa ricerca nel campo delle patologie renali, con doppi trapianti, ricorso alle cellule staminali, farmaci innovativi.


Già presidente dell’International Society of Nephrology (ISN), ha lanciato il progetto “0by25” per azzerare il numero di morti da insufficienza renale acuta nei paesi poveri entro il 2025.


Vincitore di diversi premi internazionali
- tra cui il “John P. Peters Award” della Società Americana di Nefrologia (ASN), il più prestigioso nel campo della nefrologia - il professor Remuzzi è membro della Giuria (dopo esserne stato anche presidente) del Premio internazionale “Lombardia è ricerca” di Regione Lombardia.


Di recente è entrato nel ‘Gruppo di saggi’ che fornirà consulenza scientifica a Regione Lombardia per ‘disegnare’ l’evoluzione Sistema Sanitario Regionale.


Commendatore della Repubblica, autore di più di 1.400 pubblicazioni su riviste Internazionali e di 16 libri, in questa intervista il professor Remuzzi ci parla degli effetti prodotti dal Coronavirus a livello sociale, della governance del sistema sanitarioe dei cambiamenti che quest’ultimo dovrà affrontare, a partire dalle difficoltà nella sua digitalizzazione.  


Guarda la video intervista:

GIACOMO BIRAGHI

24/07/2020 alle 12:38

Ottima relazione. Grazie Professore

MARTA GUZZETTI

24/07/2020 alle 09:54

BUONGIORNO, COMPLIMENTI

DOVE LAVORA E DOVE RICEVE I PAZIENTI?

go to top